Laghi balneabili dell’Alto Adige: in quali laghi possiamo fare il bagno? Come ci si arriva?

Laghi balneabili dell’Alto Adige: in quali laghi possiamo fare il bagno? Come ci si arriva?

Caldo, afa, temperature troppo alte per fare qualunque cosa, se non andare a rinfrescarsi in un bel Lido della provincia. Certo si paga e magari non si ha sempre voglia di spenderci in continuazione dei soldi, ma che alternative ci sono?

L’Alto Adige non è certo una regione marittime (ma va!?) e anche se trovate qualche fossile di conchiglia nelle rocce dolomitiche non fate strani pensieri: il mare c’era si, ma molti molti molti…molti anni fa!

Chiaro, in meno di tre ore possiamo arrivare in automobile a qualche comoda spiaggia adriatica, ma perchè invece non approfittare dei numerosi bacini balneabili che abbiamo qui?

Di laghi in cui fare il bagno l’Alto Adige ne ha a bizzeffe, alcuni attrezzatissimi e altri un po’ più selvaggi, per non parlare delle meravigliose cornici che fanno da sfondo ad alcuni di questi…

(sul sito della SAD potrete trovare tutti gli orari dei trasporti pubblici: www.sii.bz.it)

 

Laghi di Monticolo

Il lago grande e il lago piccolo di Monticolo sono certo i più frequentati della zona.

Una ventina di minuti in macchina o una comoda pedalata lungo la pista ciclabile (che a breve arriverà proprio fino ai laghi). Acqua abbastanza calda e con numerose spiaggette dove rilassarsi, entrambi i laghi offrono anche la possibilità di accomodarsi nelle strutture ricettive che offrono ampi prati e attrezzature. Al lago grande c’è un vero e proprio lido con piscine e scivolo e la possibilità di noleggio barche.

Il grande

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano imboccate la SS42 o “Strada del Vino” fino alla rotonda di San Michele Appiano e poi seguite le indicazioni per i laghi di Monticolo fino al parcheggio grande. Dal parcheggio sono 10 minuti a piedi fino al lago Grande e 25-30 fino al Piccolo.
  • (bicicletta) prendiamo la ciclabile verso Caldaro e arrivati a San Michele appiano abbiamo due possibilità:
    • proseguiamo sulla strada verso Monticolo
    • andiamo verso Cornaiano sempre lungo la ciclabile (c’è un breve strappo poco prima della rotonda di Appiano) e andiamo verso Maso Ronco da cui potremo continuare lungo le forestali.
  • (mezzi pubblici) bus 131 dall’Autostazione di Bolzano fino ad Appiano e poi il 139 fino a Monticolo

Tipo di accesso: libero e a pagamento

Strutture di ristoro: SI

il piccolo

Photo by Mosco on commons.wikimedia.org under Attribution-ShareAlike 3.0 Unported license

Photo by Mosco on commons.wikimedia.org under Attribution-ShareAlike 3.0 Unported license

Lago di Caldaro

Il più grande lago della Provincia di Bolzano è anche il più frequentato. Orde di turisti e autoctoni affollano i lidi di questo splendido bacino altoatesino.

L’acqua anche qui è abbastanza calda (un po’ meno che a monticolo), ma purtroppo non ci sono spiagge libere.

Qui è inoltre possibile noleggiare barche e anche usare il windsurf!

KaltererSeePanoVonAltenburg

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano imboccate la SS42 o “Strada del Vino” fino al Lago di Caldaro dove troverete un ampio parcheggio. Se è pieno potete provare in qualche stradina di campagna.
  • (bicicletta) prendiamo la ciclabile verso Caldaro e arriviamo fino al Lago.
  • (mezzi pubblici) bus 131 dall’Autostazione

Tipo di accesso: a pagamento nei Lidi

Strutture di ristoro: SI

 

Lago di Costalovara

Il “Laghetto” del Renon è un bel posto dove fare il bagno anche se un po’ più lontano da raggiungere in macchina. In realtà si può sempre prendere la funivia e poi fare quattro passi, oppure utilizzare il trenino che va verso Collalbo.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano – Rencio prendere la strada in direzione Renon e poco dopo Auna di Sotto girare a sinistra verso Soprabolzano. A metà strada troverete il Lago di Costalovara.
  • (mezzi pubblici) Funivia del Renon fino a Soprabolzano. Da qui il Trenino in direzione Collalbo fino a Costalovara.

Tipo di accesso: libero e a pagamento

Strutture di ristoro: SI

 

Lago di Fiè

Il lago artificiale di Fiè è un’ottima alternativa a quelli di Monticolo. Certo è un po’ più lontano, ma il paesaggio e la tranquillità della zona vi ricompenseranno.

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano prendere la SS12 fino a Prato Isarco e poi la SP24 in direzione Fiè allo Sciliar. Al paese di Sant’Antonio troverete lo svincolo verso il laghetto.
  • (mezzi pubblici) bus 170 fino a Sant’Antonio e poi sentiero n.14 fino al laghetto

Tipo di accesso: libero e a pagamento

Strutture di ristoro: SI

 

Lago di Favogna

Vicino a Cortaccia c’è un bel laghetto con acqua tiepida in cui fare una nuotata lontani dalla città. Questo specchio d’acqua è inoltre in una zona protetta in cui crescono piante rare e in cui si trova una fauna unica.

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano prendere SP19 fino a Cortaccia e poi la strada verso le frazioni alte fino a Favogna di Sopra. Ancora un po’ più avanti troverete il lago.

Tipo di accesso: libero

Strutture di ristoro: hotel e ristoranti nelle vicinanze

 

Lago di Tret – San Felice – Santa Maria

Al confine tra Alto Adige e Trentino, nell’Alta Val di Non, c’è questo bellissimo laghetto in cui fare qualche tuffo rinfrescante. Per arrivare bisogna per forza fare una breve escursione di un’oretta, ma ne vale sicuramente la pena. Al lago potrete anche ristorarvi presso la Malga e il Rifugio.

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano prendiamo la MeBo fino a Nalles e poi la SP10 verso Tesimo. Al paese di Narano giriamo per la SS238 verso il Passo Palade e arriviamo fino al paese di San Felice. Proseguiamo ancora un po’ fino alla località “Le Plaze di Tret” e poi giriamo all’altezza dell’Albergo “Le Ciaspole” verso il Rifugio Scoiattolo. Qui troverete un comodo parcheggio dove lasciare la macchina. Si prosegue a piedi lungo il sentiero 512 per circa 1h di cammino e un dislivello di 350m.

Tipo di accesso: libero

Strutture di ristoro: SI

 

Lago di Varna

Vicino a Bressanone in una zona protetta c’è il laghetto di Varna, luogo molto importante per la sosta degli uccelli durante le migrazioni. La passeggiata intorno al lago è alla portata di tutti e ci sono comode spiaggette dove rilassarsi tra una nuotata e l’altra. Ci si può anche lanciare da una liana per un tuffo dritto in acqua e se avete fame o sete c’è anche una taverna. Nelle vicinanze c’è anche un campeggio.

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano lungo l’A22 (o la SS12 senza pedaggio) fino all’uscita di Bressanone/Val Pusteria e poi verso la Zona Industriale di Varna, seguiamo le indicazioni verso il Lago di Varna.
  • (bicicletta) prendete la ciclabile verso Bressanone e proseguite verso Fortezza. Passa proprio di fianco al laghetto. In alternativa potete anche pensare di portare la bici in treno fino a Bressanone o Fortezza e poi fare un pezzo più breve di ciclabile
  • (mezzi pubblici) l’unica possibilità è prendere il treno regionale fino a Bressanone (o a Fortezza). Da Bressanone si prende il bus 328 fino al Forte di Fortezza e poi dal Lago vicino il sentiero 3B fino al Lago di Varna (sono circa 2km a piedi). Dalla Stazione di Fortezza il tragitto a piedi è doppio.

Tipo di accesso: libero

Strutture di ristoro: SI

 

Lago di Issengo*

A Plan de Corones c’è un vero e proprio lido naturale, il laghetto di Issengo. L’ingresso è a pagamento, ma potrete fare dei bei bagni in acqua purissima. Il laghetto è circondato da un ampio prato con area giochi per i bambini e c’è un ristoranto con una comodissima terrazza. Cosa volete di più?

 

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano lungo l’A22 (o la SS12 senza pedaggio) fino all’uscita di Bressanone/Val Pusteria. Un breve tratto sulla SS49 verso la Val Pusteria in direzione Brunico. Al paese di Chienes giriamo a sinistra per la SP89 fino al Laghetto di Issengo/Issinger Weiher.
  • (mezzi pubblici) in Treno fino a:
    • Bressanone e poi prendere il bus 401 in direzione Brunico fino a Chienes e proseguire a piedi per il sentiero n.1 fino al laghetto (circa mezz’ora)
    • Fortezza dove prenderemo un altro treno verso Lienz fino a Vandoies e da qui il bus 421 che si ferma al lago.

Tipo di accesso: a pagamento

Strutture di ristoro: SI

 

Laghi di Dobbiaco e Braies*

In questi due laghi l’acqua è molto più fredda, ma nelle estati calde, come quella di questo 2015, anche i più timorosi potrebbero arrischiarsi a fare un tuffo in queste acque paradisiache. In entrambi i laghi si può anche noleggiare la barca e le zone dove stendere l’asciugamano non mancano. Se poi alzate gli occhi e vi guardate attorno, vi renderete conto di essere davvero in un paradiso naturale.

Dobbiaco

Come arrivare:

  • (automobile) da Bolzano lungo l’A22 (o la SS12 senza pedaggio) fino all’uscita di Bressanone/Val Pusteria. Proseguiamo sulla SS49 per la Val Pusteria in direzione Dobbiaco. Per il Lago di Braies poco dopo Monguelfo-Tesido imbocchiamo la strada verso Ferrara/San Vito/Braies fino al Lago. Per il Lago di Dobbiaco deviamo a Dobbiaco per la SS51 seguendo le indicazioni per il Lago.
  • (mezzi pubblici) treno fino a Fortezza e poi cambiate con il treno in direzione Lienz:
    • per Lago di Braies: scendete alla stazione di Villabassa e poi raggiungete la piazza von Kurz a piedi dove troverete il bus 442 per San Vito (Braies) che vi porterà al Lago.
    • per Lago di Dobbiaco: scendete alla stazione di Dobbiaco e prendete il bus 444 in direzione Rifugio Auronzo e scendete al Lago.
  • (bicicletta) se vi sentite abbastanza in forma potrete fare la ciclabile che percorre la Val d’Isarco e poi la Val Pusteria fino ai Laghi. Oppure potete portarvi la bici in treno e poi dalla stazione farvi una bella pedalata.

Tipo di accesso: libero

Strutture di ristoro: SI

Braies (…a un passo dal cielo)

*di questi ultimi le acque non sono monitorate e quindi la balneazione non è prevista ufficialmente secondo decreti legge


 

Foto wikimedia.org

Foto di copertina by Johan Meulenkamp on Flickr.com under Creative Commons license

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *